Trattamento dei capillari degli arti inferiori e valutazione del circolo venoso.

Indicazioni

I capillari (o teleangectasie) degli arti inferiori sono degli inestetismi cutanei dovuti ad una dilatazione patologica di vene di piccolo calibro (diametro inferiore ai 3 mm). Rappresentano il I stadio della Malattia Venosa Cronica degli arti inferiori.

Sintomi: le teleangectasie degli arti inferiori possono non dare disturbi; sono però spesso riferiti disturbi come pesantezza degli arti inferiori, prurito (soprattutto in alcune zone dove i capillari sono presenti in maggior numero) e smania soprattutto nei periodi caldi.

È importante, prima di intraprendere qualsiasi trattamento, sottoporsi ad una visita specialistica che deve prevedere nel corso della stessa anche un esame Ecocolor-Doppler; questo perché spesso i capillari possono nascondere una problematica venosa più importante e che pertanto deve essere trattata per prima onde raggiungere il risultato estetico desiderato.

Descrizione

Scleroterapia

La scleroterapia è il trattamento più diffuso per il trattamento dei capillari e consiste nell’iniezione di una sostanza chimica all’interno dei capillari in forma liquida o sottoforma di schiuma (Sclerofoam o Scleromousse) mediante piccoli aghi. I capillari trattati subiscono un processo infiammatorio che con il tempo porta ad uno schiarimento degli stessi e alla loro scomparsa. Sono necessarie più sedute intervallate ogni 2-4 settimane.

LASER

Generalmente il trattamento LASER è utilizzato a completamento del trattamento scleroterapico. Previo raffreddamento dell’area da trattare, si colpisce il capillare con una luce LASER esterna (applicazione TRANSDERMICA) che porta a chiusura e scomparsa immediate dello stesso.

Esiste un’altra modalità di trattamento LASER che è quella ENDOPERIVENOSA che consiste nel penetrare con una fibra ottica al di sotto della cute e trattare i capillari mediante contatto diretto con la fibra stessa.

Tipo di ricovero

Tutti i trattamenti vengono eseguiti in regime ambulatoriale senza anestesia.

Decorso post operatorio

Scleroterapia

Dopo il trattamento il paziente cammina subito e può tornare alla propria attività. Possono inizialmente comparire alcuni pomfi (simili a punture di zanzara) che scompaiono in poche ore. Possono raramente comparire piccoli ematomi che scompaiono in pochi giorni.

LASER

Nel caso del trattamento TRANSDERMICO si applica una crema anti-infiammatoria ed idratante, il paziente cammina subito e può tornare alla propria attività.

Nel caso del trattamento ENDOPERIVENOSO si applica una crema anti-infiammatoria ed idratante e vengono apposti piccoli tamponi nelle aree trattate; anche in questo caso il paziente cammina subito e può tornare alle proprie attività .