Rimozione dei tatuaggi tramite laser.

Indicazioni

La procedura è indicata per la rimozione di tatuaggi cutanei nei vari distretti corporei.

Alcuni tipi di colore rispondono molto debolmente (giallo, verde, ecc.). I tatuaggi di colore scuro sono più facilmente trattabili.

Descrizione

La rimozione dei tatuaggi può essere eseguita secondo due modalità:

RIMOZIONE CHIRURGICA: ha il vantaggio di rimuovere completamente il tatuaggio in un’unica seduta a prescindere dalla profondità e dal colore del pigmento, ma comporta una cicatrice residua.

TRATTAMENTO CON LASER Q-SWITCH: ha il vantaggio di lasciare scarsi esiti cicatriziali ma al contempo necessita di diverse sedute con tempi più lunghi per il raggiungimento del risultato. Sono infatti necessarie diverse sedute da eseguirsi a distanza di circa 30 giorni l’una dall’altra. Inoltre, a seconda del tipo del colore e della profondità del pigmento, non è certa la rimozione completa.

La scelta della metodica dipende ovviamente dalla sede, dalla grandezza, dal colore e dalla profondità del tatuaggio.

Tipo di ricovero

La procedura è ambulatoriale e non necessita di anestesia.

Decorso post operatorio

Il paziente ha di solito una reazione cutanea edematosa che si risolve nell’arco di 2-10 giorni.